HOMEPAGE: TRAME

trama libro 1

la storia comincia quando Bryan (protagonista) ha 2 anni. I suoi genitori decidono di lasciarlo al fratello di Sirius (suo padre) perché i genitori di Bryan sono in pericolo. Paran (il cattivo) li trova e cerca di uccidere il padre di Bryan, ma invece la moglie gli fa da scudo e muore lei al posto di Sirius. Bryan non viene visto da Paran, che si smaterializza. Bryan cresce e lo ritroviamo a 10 anni. Ha gli occhi scarlatti e una piccola cicatrice sul polso sinistro. Un giorno va in un delfinario e li impazzisce dal dolore perchè la cicatrice gli fa male ogni volta che si trova con un delfino. Un giorno compare Orion, un amico del padre, che lo porta nel mondo magico da cui proviene per portarlo in salvo, perchè Paran aveva scoperto che Bryan era vivo. Paran crea un esercito di creature: elfi, giganti, ecc.. e gli da la caccia. Orion viene imprigionato, ma Bryan riesce a scappare, però torna indietro perchè non vuole essere un vigliacco e viene ferito da Paran e sviene. Nel frattempo Orion si libera e porta in salvo Bryan. Tramite la figlia di Orion si scopre l'esistenza di un tempio che custodisce una pietra che esaudisce i desideri e Paran e Bryan arrivano sul posto e si scontrano per avere la pietra. Orion muore per un errore di Bryan e il libro finisce con il funerale di Orion. FINE

trama libro 2

Il secondo libro si apre con Bryan che piange la scomparsa di Orion. Si sono radunati tutti: gli elfi, i centauri, i parenti, i lupi.. Erano tutti li a piangere la sua morte. Ma ad un tratto Bryan nota che Orion tiene nella mano destra un pezzo di carta. È una foto della sua famiglia, che aveva scattato Sirius poco prima di morire. In quel momento Bryan si mise a piangere come un dannato, ma un uomo con i capelli lunghi e la barba folta nera, si fece avanti per consolarlo: era suo padre. Si pensava che fosse stato ucciso da una creatura delle lande, ma invece era solo stato ferito ed era svenuto. Si era ripreso grazie alle cure di Manevir, sorella di Orion, che però era del tutto ignara di chi fosse lui in realtà. Grazie al suo aiuto si era ripreso e aveva iniziato un viaggio. Giunto nel paese di Amestris aveva saputo della morte di Orion ed era corso a piangere il suo amico. Aveva riconosciuto il figlio per la piccola cicatrice sul polso. Quella notte famosa si era formata la cicatrice sotto gli occhi di Sirius: non si poteva sbagliare. Aveva affinato le arti magiche ed era pronto a vendicare la moglie morta. Quindi lui e Bryan con gli elfi e i centauri cercano Paran, ma alla fine è lui che li trova per primo, cogliendoli alla sprovvista grazie al tradimento di Pascal, che però morirà perché non è più di utilità a Paran. Dopo questo gesto, Sirius e Bryan sono ancora più incentivati a combattere, ma Sirius sbaglia una formula di Amestris e Paran ne approfitta e lo uccide. Bryan si imbestialisce e prende la bacchetta del padre e la usa per cercare di uccidere Paran, agitandola inutilmente. Alla fine uno dei centauri riesce a smaterializzarsi e a non poter essere rintracciato da Paran: il mondo magico non era più un posto sicuro; Bryan doveva tornare a casa. Torna a casa che ha 12 anni.

trama libro 3

Il 3 libro inizia con Bryan (ha circa 16 anni) che accompagna a casa la sua ragazza e mentre va verso casa, vede della gente strana che lo fissa: i seguaci di Paran. Non li riconosce e prosegue verso casa. Mentre sta rientrando, vede un lampo grigio che distrugge la casa e uccide zia Norma. È Paran che si vuole vendicare per quello che era successo. Ma non uccide Bryan: non ancora, lo vuole affrontare di persona, non ucciderlo all'improvviso come un vigliacco e un codardo. In quel momento arriva la moglie di Orion, che lo teletrasporta nel mondo magico. Qui Bryan finalmente impara il teletrasporto e lo usa per spostarsi velocemente nelle varie parti del mondo magico. (però poteva tele trasportarsi solo in luoghi dove era già stato). Torna al tempio, perchè Paran aveva perso in quel luogo un anello. Un oggetto che donava la possibilità di leggere nei pensieri di Paran e di custodirne i ricordi. Troviamo Bryan che fa un tuffo nel passato di Paran e lo vede da giovane: tutti lo prendevano in giro per via di suo padre e lui pian piano aveva iniziato a odiare suo padre, tanto da fuggire di casa e progettare di ucciderlo. Il piano fallisce perché viene scoperto dalla madre prima della fuga tramite un diario dove aveva scritto e disegnato i suoi progetti malvagi. Allora i suoi lo avevano mandato in Germania alla scuola Armstrong perché fosse rieducato. Tramite dei poteri strani, uccide l'insegnante e ferisce dei compagni e scappa in un luogo sconosciuto. Tramite un amico elfo scopre come arrivare nel mondo magico e impara a usare la magia in modo perverso e malvagio. Il mondo magico si piega al suo volere, fino a quando il padre di Sirius lo uccide. Ma in punto di morte Paran lo maledice e gli giura che alla sua morte sarebbe tornato in vita. E infatti le cose andarono così. Paran ereditò i poteri del padre e assunse la capacità di diventare un delfino. Quando Bryan termina di vedere i ricordi di Paran, lui compare nella sua mente e gli cancella i ricordi, smaterializzando l'anello. Bryan non si ricorda niente dei ricordi di Paran e cerca comunque di sconfiggerlo. Lo scontro finale di svolge nelle lande, precisamente su monte Fondente, vulcano preferito da Paran, dove Bryan spezza la bacchetta di Paran e Paran si smaterializza e rimangono solo foglie e acqua. Si pensa che sia stato sconfitto, ma nella testa di Bryan, Paran gli promette che tornerà e che per lui sarà la fine.